Cala il sipario sul quarantunesimo Motor Show

Cala il sipario sul quarantunesimo Motor Show

Share

Con oggi si conclude ufficialmente la quarantunesima edizione del Motor Show di Bologna. Emozioni, ospiti e tanta azione hanno di certo contrassegnato la kermesse bolognese del 2017, riproposta per il secondo anno di gestione diretta BolognaFiere con un format rinnovato, anzi evoluto, in un vero e proprio show dei motori.
L’obiettivo era quello di far vivere la passione a 360° in prima persona, trasformare i tanti, tantissimi appassionati che sono accorsi da ogni angolo d’Italia da spettatori a protagonisti. E senza ombra di dubbio l’obiettivo è stato centrato, proponendo in primis una serie di aree dedicate ai test drive in cui il pubblico ha potuto provare molti dei modelli esposti nei padiglioni, con file chilometriche che hanno sottolineato tanto l’affluenza copiosa quanto la bontà dell’idea di moltiplicare le aree esterne. Secondo ingrediente fondamentale per la riuscita di questa edizione è stato il ricco programma curato da Aci Sport e riservato all’Area 48-Motul Arena, che dal 2 al 10 dicembre ha ospitato competizioni, esibizioni e parate tra le più disparate. A contendersi i numerosi titoli messi in palio durante la manifestazione moto, quad, e naturalmente auto, divise nei giorni per le competizioni su asfalto e quelli con il nuovo layout modificato in un tracciato terra misto asfalto. A chiudere in bellezza il Motor Show un Memorial Bettega di altissimo livello, contraddistinto dalla giovanissima età dei vincitori. Tanto nell’evento clou quanto nel Pucci Grossi del Sabato sono stati tre i protagonisti: Rovanpera, Solberg e Suninen, finalisti in entrambi i trofei conclusi nelle medesime posizioni. A spuntarla alla fine è stato Rovanpera, il sedicenne finlandese che torna a Casa con entrambi i premi a coronamento di un weekend semplicemente perfetto, tanto per lui quanto per il Motor Show.
Impossibile non citare anche l’ottima risposta delle Case, e di conseguenza del pubblico. In un anno in cui il Motor Show doveva cementare l’ottimo avvio del 2016, i Brand esposti sono passati da 200 a 370, sono stati aggiunti padiglioni come Passione Classica Racing e The World of Motorsport, allargato gli orizzonti al mondo femminile grazie alla collaborazione con Cosmoprof per l’area For Women Only, al modellismo con il Model Game del primo weekend e, infine, alla passione per l’usato con Passione Classica Mercato andato in scena nel weekend di chiusura.
Un Motor Show che chiude i battenti, per il 2017, raccogliendo il consenso di appassionati ed addetti ai lavori. E se questa è stata l’evoluzione rispetto all’anno passato, non vediamo l’ora che arrivi l’edizione 2018, la quarantaduesima, con i suoi protagonisti, l’Area 48-Motul Arena, le Case, il pubblico e chissà quante novità.

1
Something is wrong. Response takes too long or there is JS error. Press Ctrl+Shift+J or Cmd+Shift+J on a Mac.
Share
Motor Show Live - 2017